Primo Network NUOVA SABATINI (DL 69/2013)
Oggetto dell'agevolazione Finanziamento bancario o in leasing, concesso da una banca o intermediario finanziario, con le seguenti caratteristiche: - durata massima di 5 anni (comprensiva del preammortamento); - valore compreso fra 20.000 e 2.000.000 EUR per impresa beneficiaria; - importo minimo del singolo bene finanziabile 500 EUR; - erogazione in unica soluzione entro 30 giorni dalla stipula; - copertura fino al 100% delle spese ammissibili; - scadenza ultima per l'erogazione: 31/12/2016


Tipologia ed intensita'  dell'agevolazione
Sconto sul tasso di interesse pari al 2,75%, con possibilita'  di fruire di una priorita'  nell'accesso al Fondo di Garanzia nazionale ottenendo la copertura dell'80% della garanzia richiesta dall'intermediario.


Risorse disponibili

Plafond pari a 2,5 miliardi di Euro a cui potranno attingere le banche e gli intermediari finanziari di cui sopra, fino al 31/12/2016, per la concessione di finanziamenti alle PMI. Si ritiene sulla base del numero di domande presentate nei mesi di marzo e aprile che le risorse attualmente stanziate siano sufficienti per la copertura del finanziamento delle domande presentate entro la fine del 2014.
Soggetti ammissibili
Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese classificate di dimensione micro, piccola e media che alla data di presentazione della domanda: a) hanno una sede operativa in Italia e sono regolarmente costituite ed iscritte nel Registro delle imprese ovvero nel Registro delle imprese di pesca; b) sono nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non sono in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali; c) non rientrano tra i soggetti che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione europea; d) non si trovano in condizioni tali da risultare impresa in difficolta' come individuata nel regolamento GBER.


Settori di attivita'  esclusi dall'agevolazione
a) dell'industria carboniera; b) delle attivita'  finanziarie e assicurative (sezione K della classificazione delle attivita'  economiche
ATECO 2007); c) della fabbricazione di prodotti di imitazione o di sostituzione del latte o dei prodotti lattiero- caseari. d) delle attivita'  connesse all'esportazione e per gli interventi subordinati all'impiego preferenziale di prodotti interni rispetto ai prodotti di importazione, secondo quanto previsto dall'articolo 1, comma 2, del regolamento GBER. Sono quindi ammesse alle agevolazioni le imprese operanti in tutti gli altri settori.


Macchinari, impianti e attrezzature
L'acquisto di macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo rientra nelle spese ammissibili di finanziamento. Sono invece esclusi i costi relativi a commesse interne, le spese relative a macchinari, impianti e attrezzature usati, le spese di funzionamento, le spese relative a imposte, tasse e scorte, i costi relativi al contratto di finanziamento, e i singoli beni sotto i 500 euro.


Hardware, Software e tecnologie digitali
Le imprese possono beneficiare dei finanziamenti della Legge Sabatini Bis anche per l'acquisto di hardware, software e tecnologie digitali di vario genere.


Impianti fotovoltaici
L'acquisto di un impianto fotovoltaico e' considerato spesa ammissibile ai sensi dell'agevolazione Beni strumentali se e' funzionale allo svolgimento dell'attivita' d'impresa.
Procedure
Per richiedere l'agevolazione e' necessario compilare la domanda attraverso l'apposito modulo pubblicato online sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico La domanda, a pena di invalidita' , deve essere compilata utilizzando esclusivamente tale modulo ed inviata a mezzo posta elettronica certificata (PEC) all'indirizzo di PEC della banca/inter mediario finanziario aderentealla convenzione tra Ministero dello Sviluppo Economico, Cassa Depositi e Prestiti (CDP) e Associazi one Bancaria Italiana (ABI) Il modello di domanda inviato tramite PEC a'¨ unico, pertanto contiene sia la richiesta del finanziamento(punto 1) che la richiesta per l'accesso al contributo ministeriale (punti 2 e 3), attestando il possesso deirequisiti e l'aderenza degli investimenti alle previsioni di legge. Se l'impresa vuole accedere anche alla Garanzia del Fondo Centrale, deve indicare nella domanda inviatatramite PEC alla banca, la volonta'  di richiedere la garanzia al Fondo Centrale di Garanzia per le PMI. Una volta che la banca ha adottato la delibera di finanziamento, il Mise procede, in tempi molto contenuti,alla concessione del contributo e a darne comunicazione all'impresa L'erogazione del contributo prevista al completamento dell'investimento autocertificato dall'impresa ed e' effettuata in quote annuali secondo il piano di erogazioni riportato nel provvedimento di concessione


Tempistica del procedimento
Verificata la dichiarazione (modulo inviato dall'impresa), la banca trasmette alla CDP la richiesta di disponibilita'  della provvista per una o piu' operazioni. La CDP entro 10 giorni, prenota il contributo statale sugli interessi e da'  alla banca conferma della disponibilita' . Entro 30 giorni la banca trasmette al Ministero l'elenco dei finanziamenti deliberati. Entro 30 giorni il Ministero dello Sviluppo deve concedere il contributo (da erogare in 5 anni in quote annuali costanti). A quel punto, l'impresa e' tenuta a stipulare il finanziamento entro i due mesi successivi.


Contributo
Il contributo concedibile e' pari all'ammontare complessivo degli interessi calcolati al tasso del 2,75% su un piano convenzionale di ammortamento, con rate semestrali costanti e della durata di cinque anni, di importo corrispondente al finanziamento. Il contributo a'¨ erogato dal Ministero secondo il piano temporale riportato nel decreto di concessione, che si esaurisce entro il sesto anno dalla data di ultimazione dell'investimento, in quote annuali. Per le modalita'  tecniche di calcolo si rinvia all'appendice allegata alla circolare BENI STRUMENTALI (NUOVA SABATINI) e' nel sito internet del Ministero.


Erogazione
La stipula del contratto di finanziamento e l'erogazione dello stesso da parte della banca/intermediario finanziario all' impresa deve avvenire entro l'ultimo giorno del secondo mese successivo a quello di erogazione della provvista alla banca/intermediario finanziario da parte di Cassa Depositi e Prestiti, che a sua volta viene erogata entro 20 giorni dalla delibera del finanziamento assunta dalla banca/intermediario finanziario.
L'erogazione del contributo e' subordinata al completamento dell'investimento, da effettuarsi entro il periodo di preammortamento o di prelocazione della durata massima di 12 mesi dalla data di stipula del finanziamento/contratto di leasing. Le richieste di erogazione sono evase dal Ministero entro un termine di 30 giorni dalla data di ricezione della domanda completa e conforme a quanto indicato nella circolare, fatti salvi i tempi necessari per l'acquisizione delle certificazioni rilasciate da altri soggetti pubblici.

RICHIEDI PREVENTIVO

CODICE ETICO - DOCUMENTI TRASPARENZA - PRIVACY - RECLAMI - ABF
PRESTITO DIPENDENTI - PRESTITO PENSIONATI - CONTATTA AGENZIE
Seguici su Facebook

Primo Network sede legale ed amministrativa: C.so Siracusa 16 - 10136 Torino

Cap. Soc. 228.000,00 Euro i.v.- R.E.A. TO-950567 - C.F. e P. IVA 08154920014.

Iscrizione O.A.M. Elenco Mediatori Creditizi nº M94 - IVASS E000294291.

posta.certificata@pec.primonetwork.it

Valid XHTML 1.0 StrictCSS Valido!

=