Primo Network - MUTUI Tasso fisso o variabile

Tasso fisso o variabile?

Bisogna innanzitutto affermare che non esiste un tasso migliore in assoluto e ogni tasso ha i suoi pro e contro.

Scegliendo un mutuo a tasso fisso si può bloccare la rata per tutta la durata del mutuo ma questa sarà più elevata rispetto a quella di un mutuo a tasso variabile.

Con un mutuo a tasso variabile invece si può ottenere una rata inferiore e quindi un risparmio immediato (anche dell'ordine del 15-20% mensile) ma la rata può subire rialzi importanti nel lungo periodo. Esistono anche altri tassi che rispondono a esigenze particolari: per esempio con il tasso variabile con cap, a fronte di un costo maggiore puoi ottenere un tetto massimo al rialzo del tasso variabile.

La scelta giusta è comunque sempre personale e dipende dalle capacità di reddito personali - di oggi e di domani - e dalla propensione al rischio. In generale se si ritiene di essere in grado di rimborsare rate di importo maggiore nel corso del tempo, il variabile potrebbe essere la scelta migliore, altrimenti è meglio optare per un mutuo che offra la sicurezza di una rata fissa.

Tendenzialmente se il tasso fisso si avvicina al 5% bisognerebbe approfittarne, mentre per livelli superiori a tale soglia il tasso variabile diventa più interessante. In ogni caso, il 75% dei mutui erogati a livello nazionale nell'ultimo anno erano a tasso variabile.

CODICE ETICO - DOCUMENTI TRASPARENZA - PRIVACY - RECLAMI - ABF
PRESTITO DIPENDENTI - PRESTITO PENSIONATI - CONTATTA AGENZIE
Seguici su Facebook

Primo Network sede legale ed amministrativa: C.so Siracusa 16 - 10136 Torino

Cap. Soc. 228.000,00 Euro i.v.- R.E.A. TO-950567 - C.F. e P. IVA 08154920014.

Iscrizione O.A.M. Elenco Mediatori Creditizi nº M94 - IVASS E000294291.

posta.certificata@pec.primonetwork.it

Valid XHTML 1.0 StrictCSS Valido!

=